BUBS - Barely Ubuntu Bar Sport

Caffè letterario per Illetterati => Politica => Topic aperto da: Darko - 27 Gennaio 2015, 13:01:43

Titolo: Elezioni in Grecia e prospettive europee
Inserito da: Darko - 27 Gennaio 2015, 13:01:43
Tsipras è il nuovo primo ministro greco.
Sin ad subito ha portato avanti una politica anti austerità che prevede un cozzar di corna con la trojka europea.
E per portare avanti le sue idee ha fatto l'inconcepibile (apparentemente, almeno): si è alleato con un partito della destra nazionalista e omofoba, Grecia Indipendente.
In pratica questi due partiti hanno una e una sola cosa in comune: la politica anti austerità.
Credo sia chiaro quale sia la priorità del governo Tsipras.

Perché in Italia, quando c'è stata la possibilità di fare qualcosa di analogo, non si è fatta?
Titolo: Re:Elezioni in Grecia e prospettive europee
Inserito da: noi3 - 27 Gennaio 2015, 13:18:02
Perchè siamo in Italia.
Titolo: Re:Elezioni in Grecia e prospettive europee
Inserito da: shishimaru - 27 Gennaio 2015, 14:14:36
Non cambierà un cazzo perché uno contro tutti non è propriamente facile, se non impossibile. Scusate se ho detto tutto terra terra.

Se poi bastava così "poco", allora siamo coglioni a non aver smaniato in Europa. Tra l'altro non ho ben capito se è finito il semestre italiano in Fuck-EU in cui si diceva costantemente "omg il smstr dobiam catciare le palle!!".


Perché in Italia, quando c'è stata la possibilità di fare qualcosa di analogo, non si è fatta?

Perché la coalizione europea è dannatamente larga. Ne fanno parte tutti i maggiori partiti politici. E comunque in Italia qualunque presa di posizione anti-europa è considerata populistah e demagogah (due termini che si cacciano sempre a caso, come fanno gli analfabeti funzionali - peggiori di me - quando parlano).
Titolo: Re:Elezioni in Grecia e prospettive europee
Inserito da: Darko - 27 Gennaio 2015, 14:41:18
Occhio che Tsipras non è antieuropeista.
Ha dichiarato ampiamente che continuerà a rispettare e supportare l'Unione Europea.
Quello che non gli va giù è proprio l'austerità e il modo, in funzione di questa, in cui è stato formulato il prestito da parte della BCE.
Titolo: Re:Elezioni in Grecia e prospettive europee
Inserito da: shishimaru - 27 Gennaio 2015, 14:47:41
Ha problemi con l'austerità, dovrebbe averne anche con tutto il resto di ciò che è considerato europeista. Ogni volta che l'Unione Europea tira fuori qualcosa è sempre molto preoccupante.
Titolo: Re:Elezioni in Grecia e prospettive europee
Inserito da: zeek - 27 Gennaio 2015, 14:55:00
E comunque in Italia qualunque presa di posizione anti-europa è considerata populistah e demagogah (due termini che si cacciano sempre a caso, come fanno gli analfabeti funzionali - peggiori di me - quando parlano).
ecco e non ho parole per spiegare quanto mi faccia dannatamente incazzare questa cosa.
Titolo: Re:Elezioni in Grecia e prospettive europee
Inserito da: Darko - 27 Gennaio 2015, 20:16:52
Per me è demagogia e populismo se non viene seguita da proposte circoscritte e fattibili, come qualunque cosa, del resto.

Se solo seguita da slogan, allora, come si dice da noi: "megliu u tintu pruvatu ca u tintu a pruvari"
Fermo restando che il nostro problema non è la comunità europea, unico motivo per cui non siamo ancora falliti, ma la "comunità italiana"
Titolo: Re:Elezioni in Grecia e prospettive europee
Inserito da: zeek - 27 Gennaio 2015, 22:07:41
imho demagogia e populismo sono due parole che ad oggi sono state pronunciate da tutti, per tagliare corto senza "scadere nel dialogo".
dipende anche cosa intendi per "antieuropeista".
se non accettare determinate imposizioni significa essere antieuropeista, allora siamo freschi.
antieuropeista, per me significa anti "europeofili" xD

e comunque come non puoi sapere cosa succederebbe uscendo, non puoi nemmeno sapere cosa sarebbe successo restando fuori. (mi aspetto la dovuta fustigazione xD)
Titolo: Re:Elezioni in Grecia e prospettive europee
Inserito da: Darko - 27 Gennaio 2015, 22:25:21
Antieuropeista significa che vuole uscire dalla comunità europea.
Cosa che lui ha ribadito più e più volte non volere fare.
Semmai non vuole sottostare a quelle politiche economiche imposte dall'alto e che si sono dimostrate inefficaci.
C'è da vedere il discorso debito, anche perché a quel punto l'Italia sarebbe diretta interessata e come creditore e come debitore a sua volta (se rinegoziano quello della Grecia, devono rinegoziare Italia e Spagna)
Titolo: Re:Elezioni in Grecia e prospettive europee
Inserito da: zeek - 28 Gennaio 2015, 16:54:25
Io, della "comunità" europea, così com'è, non ne sento molto il bisogno.

http://keynesblog.com/2012/10/08/i-difetti-delleuro-spiegati-30-anni-prima-che-nascesse-dalleconomista-keynesiano-nicholas-kaldor/
Titolo: Re:Elezioni in Grecia e prospettive europee
Inserito da: Darko - 28 Gennaio 2015, 17:58:14
Ma guarda che è quello che vado dicendo da secoli ;D
A noi serve più Europa e meno stati nazionali.
È un dato di fatto.
E per noi Italia sarebbe la salvezza su molti fronti.
Titolo: Re:Elezioni in Grecia e prospettive europee
Inserito da: zeek - 29 Gennaio 2015, 01:37:59
Ma guarda che è quello che vado dicendo da secoli ;D

è che ti "conosco" da nemmeno un anno  :patpat:
Titolo: Re:Elezioni in Grecia e prospettive europee
Inserito da: sheldon - 30 Gennaio 2015, 22:41:38
Ma guarda che è quello che vado dicendo da secoli ;D

è che ti "conosco" da nemmeno un anno  :patpat:
Hai ragione troppo poco .  :asd: Poi sono i amici che ti fregano .  :smoke:
Titolo: Re:Elezioni in Grecia e prospettive europee
Inserito da: noi3 - 04 Febbraio 2015, 18:17:56
Alla faccia della demagogia e del populismo :o

http://sakeritalia.it/europa/scoppiata-una-bomba-atomica-nellincontro-tra-tsipras-e-martin-shultz-richiesta-di-tsipras-vogliamo-mandare-la-merkel-a-giudizio-presso-il-tribunale-internazionale/
Titolo: Re:Elezioni in Grecia e prospettive europee
Inserito da: shishimaru - 04 Febbraio 2015, 19:22:12
:notbad:
Titolo: Re:Elezioni in Grecia e prospettive europee
Inserito da: Darko - 04 Febbraio 2015, 22:48:12
Cercate su google questa news e guardate chi l'ha pubblicata :asd:

In pratica una mezza bufala :asd:

controinformazione, goccedilibertà, nuovaresistenza, forntediliberazionedaibanchieri (giuro che esiste) ecc ecc.
Titolo: Re:Elezioni in Grecia e prospettive europee
Inserito da: shishimaru - 04 Febbraio 2015, 23:55:17
Immaginavo già dal nome del sito :asd: E neanche un giornale.
Titolo: Re:Elezioni in Grecia e prospettive europee
Inserito da: Buntolo - 17 Febbraio 2015, 12:02:28
Sono l'unico a pensare che l'Europa sia l'unica speranza per noi?
Per me ci vuole un'Europa forte che conti più dei singoli stati, altrimenti ci faremo stuprare da USA, Russa, Cina ed India.
Inoltre penso sia l'unica cosa in grado di salvarci da noi stessi e dai nostri politici.
Titolo: Re:Elezioni in Grecia e prospettive europee
Inserito da: noi3 - 17 Febbraio 2015, 13:15:40
Così come é ora non va bene, una unione di banche non puoi chiamarla nazione.
Titolo: Re:Elezioni in Grecia e prospettive europee
Inserito da: Darko - 17 Febbraio 2015, 13:53:16
Sono l'unico a pensare che l'Europa sia l'unica speranza per noi?
Per me ci vuole un'Europa forte che conti più dei singoli stati, altrimenti ci faremo stuprare da USA, Russa, Cina ed India.
Inoltre penso sia l'unica cosa in grado di salvarci da noi stessi e dai nostri politici.

Io sono d'accordo con te, ma
Così come é ora non va bene, una unione di banche non puoi chiamarla nazione.

L'europa deve essere europa. Non Germania, Italia che fanno parte dell'europa.
O si fa una federazione seria, con politiche comuni, o non si esce vivi dall'evoluzione del mercato globale, né dai conflitti internazionali
Titolo: Re:Elezioni in Grecia e prospettive europee
Inserito da: noi3 - 17 Febbraio 2015, 14:01:16
Infatti, così come é ora non funziona.
Titolo: Re:Elezioni in Grecia e prospettive europee
Inserito da: zeek - 17 Febbraio 2015, 14:05:50
conquoto :verovero:
Titolo: Re:Elezioni in Grecia e prospettive europee
Inserito da: shishimaru - 17 Febbraio 2015, 15:23:31
Conconquoto. Più Europa, intesa com'è ora, è un danno. E pure il TTIP con gli USA, non sono certo porterà solo benefici.

Più Europa intesa letteralmente può essere un gran vantaggio.
Titolo: Re:Elezioni in Grecia e prospettive europee
Inserito da: Darko - 24 Giugno 2015, 12:49:54
Eccolo.

http://www.ilpost.it/2015/06/23/quali-sono-le-nuove-proposte-della-grecia/http://www.ilpost.it/2015/06/23/quali-sono-le-nuove-proposte-della-grecia/

Arrivato il momento della verità. A fine mese la Grecia sarebbe stata dichiarata fallita.
Titolo: Re:Elezioni in Grecia e prospettive europee
Inserito da: Darko - 13 Luglio 2015, 11:55:57
Aggiornatemi sull'accordo Grecia-UE che sono stato fuori dal mondo.

Chi l'ha spuntata alla fine?
Come sono le condizioni?
Rispetto ai tentativi precedenti?

Ho visto le pagine dei giornali e dipende cosa leggi ha vinto la UE, ha vinto Tsipras, ha vinto topo Gigio ecc ecc

Nessuno che la ponga su un piano serio, che non sia per partito preso.
Titolo: Re:Elezioni in Grecia e prospettive europee
Inserito da: Buntolo - 13 Luglio 2015, 12:12:24
Aggiornatemi sull'accordo Grecia-UE che sono stato fuori dal mondo.

Chi l'ha spuntata alla fine?
Come sono le condizioni?
Rispetto ai tentativi precedenti?

Ho visto le pagine dei giornali e dipende cosa leggi ha vinto la UE, ha vinto Tsipras, ha vinto topo Gigio ecc ecc

Nessuno che la ponga su un piano serio, che non sia per partito preso.

Vinto è una parola grossa.
In teoria i creditori hanno abbastanza di quel che vogliono, solo che di qui al 2050...
La Grecia ha trattato su un paio di cose, più che altro le tempistiche della riforma pensionisticha e gli aumenti/tagli di qualche cosa.
Titolo: Re:Elezioni in Grecia e prospettive europee
Inserito da: zeek - 13 Luglio 2015, 12:16:22
perché ci ha spiegato @eldar che le cose da fare son corrette ma se le fanno tutte subito la gercia affonda. E anche che nel frattempo dovranno trovare il modo di impedire ai ricconi esentasse di scappare prima della comparsa delle tasse.
ecco il sunto è questo :lki:
Titolo: Re:Elezioni in Grecia e prospettive europee
Inserito da: Buntolo - 13 Luglio 2015, 12:38:13
Ah già, c'è il problema degli armatori, che non secondo eldy ci sarebbe da bloccargli la fuga (a scopo elusione tasse) ma non mi pare di aver visto nulla in merito.
Titolo: Re:Elezioni in Grecia e prospettive europee
Inserito da: eldar - 13 Luglio 2015, 12:47:14
alla fine è partita la tedescata
schauble, forte di un gradimento del 70% nei sondaggi tedeschi. ha insistito per il grexit (con ua procedura di espulsione fra l'altro manco prevista da nessuna parte )

l'alternativa "unanime" (cioè mediata a a culo visto che  francia e italia si son rifiutati di far la voce grossa e l'unico che ha sbattuto i pugni ed ha litigato con schauble è stato Draghi)  posta son condizioni più dure di prima con pubblica gogna.

In pratica la nuova proposta non è solo più dura di quella bocciata dal referendum - e di parecchio-  con le conseguenze drastiche di cui si scriveva
ma è politicamente impegnata e schierata, proprio nei termini  anche espressivi,  come una condanna ed una umiliazione per il governo e lo stato greco greco intero: non lo mascherano o negano nemmeno, al di la delle questione economiche, è una punizione ideologica per il voto a Syriza prima e per il referendum dopo.

per capirsi perfino la stampa più moderata internazionale le  descrive come condizioni da umiliazione di uno sconfitto in guerra
(molti han avuto rese meno dolorose a dire il vero, anche proprio come rispetto politico)

http://www.repubblica.it/economia/2015/07/13/foto/prime_pagine-118948637/1/?ref=HREA-1#1

Mo tsipras cerca di raccontare quella dell'orso per salvarsi ma è chiaro che lo vogliono morto

Se tsipras non firma li garrotano come popolo, se firma (contro la volontà della gente  che ha votato contro roba meno pesa e in pregio proprio al voto democraticamente espresso 10 giorni fa) gli esplode il governo (che si è crepato sulle concessioni che aveva fatto l'altro giorno di privatizzazioni etc.)  e si piazza un bel governo di unità nazionale -ciò un commissariamento- (ovviamente questo dall'eurogruppo è previsto e perfino auspicato nelle dichiarazioni) sostenuto proprio dall'unione partiti che le elezioni le hanno perse e che ieri sostenevano il SI.
Per inciso questo sono i partiti che hna governato negli ultimi 20 anni e che han rubato tutto il rubabile ed hanno fatto tutto il macello di cui stiamo parlando fra buchi/debiti/corruzione/babypensioni/etc., eh.

difatti

http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/07/13/crisi-grecia-tsipras-spinto-alladdio-pronto-governo-di-unita-nazionale-nuove-elezioni-in-autunno/1869042/


Titolo: Re:Elezioni in Grecia e prospettive europee
Inserito da: zeek - 13 Luglio 2015, 12:51:14
cioè in pratica l'eurogruppo pian piano deciderà  chi dovrà stare a capo di ogni nazione d'europa?

Ok, la politicà non si fa con lo stomaco, ma io a sto punto mandavo a cagare tutti e me ne uscivo dall'euro(pa) dimmerda.... :asd:
Titolo: Re:Elezioni in Grecia e prospettive europee
Inserito da: Darko - 13 Luglio 2015, 13:04:21
Il problema è che Tsipras si è esposto troppo senza, alla fine, avere davvero nulla in mano.
L'uscita non era concepibile per vari motivi, dracma in primis.
Visto il bluff, ti inculo a sangue e faccio capire agli altri come funziona.

Credo di avere capito questo :pipp:
Titolo: Re:Elezioni in Grecia e prospettive europee
Inserito da: eldar - 13 Luglio 2015, 13:27:16
Il problema è che Tsipras si è esposto troppo senza, alla fine, avere davvero nulla in mano.
L'uscita non era concepibile per vari motivi, dracma in primis.
Visto il bluff, ti inculo a sangue e faccio capire agli altri come funziona.

Credo di avere capito questo :pipp:

si, ma per quanto il ragionamento sia filante è politicamente un cazzata galattica.

cioè in pratica l'eurogruppo pian piano deciderà  chi dovrà stare a capo di ogni nazione d'europa?

Ok, la politicà non si fa con lo stomaco, ma io a sto punto mandavo a cagare tutti e me ne uscivo dall'euro(pa) dimmerda.... :asd:
infatti.
è quello che sta pensando mezza europa...e non mezza trasversale, senso è che è il pensiero di 3/4 della popolazione di metà delle nazioni
(sicuramente di francia spagna e italia, che, capiremo bene, son essenziali)
guarda i titoli dei giornali...e sono quelli moderati. Pensa ora al pensiero del popolino.


il pensiero dei paesi nordeuropei è logico e razionale ...ma non ha un minimo di prospettiva nel pensare al suo impatto sulla gente ne le sue reali conseguenze.
Sembra di rivedere il kaiser col suo piano della wwI: semplice, razionale, impeccabile e razionalmente eprfetto nella sua blietzkrieg fino a parigi: 3 settimane di guerra, rivediamo gli accordi commerciali e tutti amici come prima.
(non è une sempio a caso. Il capo di stato tedesco  Joachim Gauck ha fatto presente che l'esegutivo del suo paese non dovrebbe essere così "GUgliemino ", non un anarchico greco)
O, piuttosto, come con facevano notare testate Usa con un pelo di autocritica, le politiche dei vincitori sui vinti post WWI, dove gli stessi ragionamenti erano stati fatti uguali a quelli quotati da darko....con esiti felicissimi nel medio periodo.
Titolo: Re:Erezioni in Grecia e prospettive europee
Inserito da: TonyWhite - 13 Luglio 2015, 13:37:55
Modifichiamo il titolo del thread?
Titolo: Re:Elezioni in Grecia e prospettive europee
Inserito da: shishimaru - 20 Settembre 2015, 21:22:27
Sembra che Tsipras abbia vinto di nuovo.
Titolo: Re:Elezioni in Grecia e prospettive europee
Inserito da: Staffan De Mistura - 21 Settembre 2015, 11:22:31
Sembra che Tsipras abbia vinto di nuovo.
E il Napoli ha vinto con la Lazio 5-0.
Ternana - Livorno, mi gioco il 2.
Be', che dire? Ora ha il mandato popolare per imporre, da "sinistra", le condizioni peggiori e le più inique sanzioni imposte dal manganello che si aggira per l'Europa. Ma insomma, le banche che hanno prestato tutti 'sti soldi alla grecia (debiti che intanto sono diventati pubblici) avevano forse la pistola puntata alla tempia? O hanno fatto quello che ritenevano fosse più conveniente sottovalutando i campanelli d'allarme?
Titolo: Re:Elezioni in Grecia e prospettive europee
Inserito da: eldar - 21 Settembre 2015, 14:07:11
Citazione
Be', che dire? Ora ha il mandato popolare per imporre, da "sinistra", le condizioni peggiori e le più inique sanzioni imposte dal manganello che si aggira per l'Europa.
esatto.
però politicamente ha lavorato molto bene e ne esce personalmente rafforzato ed a testa alta, magra consolazione certo ma d dirsi

Citazione
Ma insomma, le banche che hanno prestato tutti 'sti soldi alla grecia (debiti che intanto sono diventati pubblici) avevano forse la pistola puntata alla tempia? O hanno fatto quello che ritenevano fosse più conveniente sottovalutando i campanelli d'allarme?
questa è e resterà (e peggiorerà temo) una nota dolentissima.
hai ragionissima su tutte le domande retoriche ma nel mondo dello sviluppo "finanziario" e dell' "economia irreale" le banche sono enti impuniti ed impunibili perchè la loro "punizione" o il loro "pagare i propri errori"  comporta un crollo completo del tessuto economico..è il "too big (/crucial) too fail"
o , detto più comprensibilmente alla vecchia,  "privatizzazione dei profitti con statalizzazione delle perdite".
Ecco, questo è peggio che medievale.
Titolo: Re:Elezioni in Grecia e prospettive europee
Inserito da: TonyWhite - 22 Settembre 2015, 15:29:52
 :fregacazzi:
Titolo: Re:Elezioni in Grecia e prospettive europee
Inserito da: shishimaru - 22 Settembre 2015, 18:17:56
http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/09/22/grecia-varoufakis-risponde-a-renzi-puoi-gioire-quanto-ti-pare-ma-non-ti-sei-sbarazzato-di-me/2057449/

ma ziocancaro renzi... qualcuno lo imbavagli.

Titolo: Re:Elezioni in Grecia e prospettive europee
Inserito da: Buntolo - 22 Settembre 2015, 23:32:19
Strano leggere delle parole così sensate da un politico. :pipp:

Fa presente i disaccordi tra lui e Tsiprasa non per questo tira frecce avvelenate o palle di merda.
Titolo: Re:Elezioni in Grecia e prospettive europee
Inserito da: eldar - 23 Settembre 2015, 09:18:24
Non lo definirei un politico. Piuttosto il classico "tecnico prestato alla politica", è un economista che ha lavorato nel privato (mi pare facesse fra l'altroni business models per Valve) fino a quest'anno quando tsipras gli ha proposto il ministero per la.missione impossibile.
Titolo: Re:Elezioni in Grecia e prospettive europee
Inserito da: shishimaru - 10 Maggio 2016, 22:42:41
A proposito, che è successo poi con la Grecia? :pipp:
Titolo: Re:Elezioni in Grecia e prospettive europee
Inserito da: Gabo - 11 Maggio 2016, 02:32:44
Tsipras ha vinto le elezioni anticipate e si è messo a fare le riforme che prima non voleva fare. Tra la bancarotta e l'asservimento alla troika, ha scelto la seconda.
Titolo: Re:Elezioni in Grecia e prospettive europee
Inserito da: Staffan De Mistura - 13 Maggio 2016, 18:47:46
Tsipras ha vinto le elezioni anticipate e si è messo a fare le riforme che prima non voleva fare. Tra la bancarotta e l'asservimento alla troika, ha scelto la seconda.
Che comunque è solo un modo per arrivare lo stesso alla prima, soltanto con un prolungamento dell'agonia. Pure l'FMI ormai dice che così non ha senso, surplus di bilancio fino al 2060 veramente non so se si deve essere più sadici o ignoranti. Sarà inevitabile una ristrutturazione del debito ma non basterà, bisogna farli uscire dall'unione monetaria - cosa che probabilmente innescherebbe una reazione a catena, e proabilmente il motivo per cui IMHO hanno deciso di farne un caso del tipo "punirne uno per educare cento" , perché è dal 2010 che l'atteggiamento è questo.
Titolo: Re:Elezioni in Grecia e prospettive europee
Inserito da: shishimaru - 13 Maggio 2016, 21:24:00
Ah, vero. Quindi è rimasto che si fanno le riforme che non si volevano fare e amen.
Titolo: Re:Elezioni in Grecia e prospettive europee
Inserito da: Staffan De Mistura - 14 Maggio 2016, 00:04:16
Ah, vero. Quindi è rimasto che si fanno le riforme che non si volevano fare e amen.
La Grecia è il paese che ha fatto più di tutti le "riforme strutturali" consigliate (anche a noi eh) dall'OCSE, e i risultati si sono visti (come peraltro qualsiasi persona di buonsenso avrebbe capito). Adesso diranno che non basta e che bisogna riformare le riforme, o qualcosa del genere.
Titolo: Re:Elezioni in Grecia e prospettive europee
Inserito da: Gabo - 14 Maggio 2016, 12:21:37
Bisogna mettere Latouche capo del governo mondiale, altrochè.
Titolo: Re:Elezioni in Grecia e prospettive europee
Inserito da: Staffan De Mistura - 14 Maggio 2016, 14:16:20
Bisogna mettere Latouche capo del governo mondiale, altrochè.
Ma quello della "decrescita" dici? Al contrario, secondo me questa corrente decrescitista è soltanto una patina progressista e terzomondista che nasconde delle argomentazioni ancillari a quelle di chi propina l'austerità e l'impoverimento del ceto medio e delle classi lavoratrici. È facile allora ribaltare la frittata notando che di positivo c'è una riduzione dei consumi di energia ecc. e uno stile di vita più semplice più bucolico contro il logorio della vita moderna. Anche no grazie. Oltretutto non è vero che maggior efficienza = minore sviluppo economico, anzi. Ma per come stanno andando le cose oggi questa visione del mondo fa più danni che altro perché porta a leggere come positive cose che non lo sono e che ultimamente fanno male a tutti. Dio cristo siamo in un momento di stagnazione della domanda globale, secondo 'sti geni dovremmo essere tutti più felici no? Vaglielo a dire ai greci che siccome non si possono permettere una macchina allora non inquinano più e non sprecano le risorse.
Titolo: Re:Elezioni in Grecia e prospettive europee
Inserito da: Darko - 14 Maggio 2016, 14:18:14
Io preferisco La Bouche :lki:
Titolo: Re:Elezioni in Grecia e prospettive europee
Inserito da: Gabo - 15 Maggio 2016, 04:10:34
Bisogna mettere Latouche capo del governo mondiale, altrochè.
Ma quello della "decrescita" dici? Al contrario, secondo me questa corrente decrescitista è soltanto una patina progressista e terzomondista che nasconde delle argomentazioni ancillari a quelle di chi propina l'austerità e l'impoverimento del ceto medio e delle classi lavoratrici. È facile allora ribaltare la frittata notando che di positivo c'è una riduzione dei consumi di energia ecc. e uno stile di vita più semplice più bucolico contro il logorio della vita moderna. Anche no grazie. Oltretutto non è vero che maggior efficienza = minore sviluppo economico, anzi. Ma per come stanno andando le cose oggi questa visione del mondo fa più danni che altro perché porta a leggere come positive cose che non lo sono e che ultimamente fanno male a tutti. Dio cristo siamo in un momento di stagnazione della domanda globale, secondo 'sti geni dovremmo essere tutti più felici no? Vaglielo a dire ai greci che siccome non si possono permettere una macchina allora non inquinano più e non sprecano le risorse.

La teoria della decrescita felice è una cosa un attimino più complessa di vita bucolica = più meglio per tutti. :asd:
Diciamo che i due principali assunti sono che
1) I principali mezzi di rilevazione del benessere utilizzati oggi, come il calcolo del PIL, non sono attendibili, poichè esiste un gran numero di fattori importantissimi per lo sviluppo di ogni popolazione che non sono misurabili ne tantomento monetizzabili, come la felicità o il tasso di alfabetizzazione. Un grattacielo fatiscente consuma più gas per il riscaldamento degli appartamenti, contribuendo sì all'innalzamento del PIL, ma al contempo peggiorando le vite di chi abita in questi appartamenti. Un incidente stradale che produce feriti gravi aiuta anch'esso all'innalzamento del PIL, ma produce anche evidenti effetti negativi sulle persone coinvolte.
2) C'è un accumulo di ricchezza nelle mani di poche potenti nazioni che va redistribuito in maniera più equa verso gli altri paesi.

Spiegato molto alla carlona, ma sono le 4 e 10 anche per me. :asd:
Titolo: Re:Elezioni in Grecia e prospettive europee
Inserito da: eldar - 15 Maggio 2016, 09:27:54
Citazione
1) I principali mezzi di rilevazione del benessere utilizzati oggi, come il calcolo del PIL, non sono attendibili, poichè esiste un gran numero di fattori importantissimi per lo sviluppo di ogni popolazione che non sono misurabili ne tantomento monetizzabili, come la felicità o il tasso di alfabetizzazione. Un grattacielo fatiscente consuma più gas per il riscaldamento degli appartamenti, contribuendo sì all'innalzamento del PIL, ma al contempo peggiorando le vite di chi abita in questi appartamenti. Un incidente stradale che produce feriti gravi aiuta anch'esso all'innalzamento del PIL, ma produce anche evidenti effetti negativi sulle persone coinvolte.
2) C'è un accumulo di ricchezza nelle mani di poche potenti nazioni che va redistribuito in maniera più equa verso gli altri paesi.

diciamo gli stessi due punti di critica li affronta assai meglio (e difatti ha avuto ben altro impatto di settore) Piketty, per dirne uno.
Latouche lascia molto perplessi sulla pars costruens, dove la pars destruens oramai è sfonadare una porta aperta, che il re è nudo da mo.
Titolo: Re:Elezioni in Grecia e prospettive europee
Inserito da: Gabo - 15 Maggio 2016, 12:29:36
Citazione
1) I principali mezzi di rilevazione del benessere utilizzati oggi, come il calcolo del PIL, non sono attendibili, poichè esiste un gran numero di fattori importantissimi per lo sviluppo di ogni popolazione che non sono misurabili ne tantomento monetizzabili, come la felicità o il tasso di alfabetizzazione. Un grattacielo fatiscente consuma più gas per il riscaldamento degli appartamenti, contribuendo sì all'innalzamento del PIL, ma al contempo peggiorando le vite di chi abita in questi appartamenti. Un incidente stradale che produce feriti gravi aiuta anch'esso all'innalzamento del PIL, ma produce anche evidenti effetti negativi sulle persone coinvolte.
2) C'è un accumulo di ricchezza nelle mani di poche potenti nazioni che va redistribuito in maniera più equa verso gli altri paesi.

diciamo gli stessi due punti di critica li affronta assai meglio (e difatti ha avuto ben altro impatto di settore) Piketty, per dirne uno.
Latouche lascia molto perplessi sulla pars costruens, dove la pars destruens oramai è sfonadare una porta aperta, che il re è nudo da mo.

Mah, una critica che secondo me gli si può fare è che sul piano concreto può risultare carente. Sul piano puramente teorico mi sembra che i suoi ragionamenti filino.
Di Piketty ho in lista da mo "Il capitale nel XXI secolo", ma non sono ancora riuscito a leggerlo.
Titolo: Re:Elezioni in Grecia e prospettive europee
Inserito da: eldar - 15 Maggio 2016, 12:36:30
Citazione
Mah, una critica che secondo me gli si può fare è che sul piano concreto può risultare carente.
che è quella che ho appena fatto
Titolo: Re:Elezioni in Grecia e prospettive europee
Inserito da: Gabo - 15 Maggio 2016, 12:54:34
Citazione
Mah, una critica che secondo me gli si può fare è che sul piano concreto può risultare carente.
che è quella che ho appena fatto

Intendevo dire che la pars destruens mi sembra lungi dall'essere una porta sfondata, purtroppo.
Titolo: Re:Elezioni in Grecia e prospettive europee
Inserito da: eldar - 15 Maggio 2016, 13:37:07
parecchio invece.
Il BAU è sotto assedio da decenni e la pars destruens si spreca al nostro sistema un po sotto ogni aspetto (sociale,ambientale,formativo et. etc,) ,
 ovvio non ha ancora nessun impatto reale ma quello è lo standard dei cambiamenti socioeconomici..i tempi sono lunghissimi e fra quando un concetto viene dato (anche per acclarato) a quando se ne inizia a vedere qualche effetto che non sia flatus vocis capaci di passare decenni e spesso secoli.
il teorema applicato nella contemporaneità è sempre vecchio di secoli e notoriamente sorpassato nell'analisi dei suoi limiti disfunzionzali dalla teoria coeva.
è praticamente una costante della storia umana (e il grande problema della nuova rivoluzione tecnologica che ha reso le problematiche dello sviluppo tecnologico una questione esponenziale che malissimo si adatta alla costante umana creando rischi enormi)
Titolo: Re:Elezioni in Grecia e prospettive europee
Inserito da: zeek - 15 Maggio 2016, 13:42:54
sto capendo quello che dite! non ho più paura di essere un analfabeta funzionale :lkof:

a parte questo... ma come cazzo parlate :asd:
Titolo: Re:Elezioni in Grecia e prospettive europee
Inserito da: Staffan De Mistura - 15 Maggio 2016, 14:23:54
Ma conosco benissimo il punto di vista di Latouche, ed anche quello di Georgescu-Roetgen (più completo e con più punti di merito), tutta la compagnia cantante del club di Roma, il rapporto sui limiti dello sviluppo ecc. Ora sicuramente hanno dei punti validi, e sarà pure vero che il PIL è una misura che lascia fuori tante altre cose (spesso difficilmente quantificabili) ma se vedo le alternative proposte (tipo il BESS) metto mano agli accendini, ma applicare questo discorso quando si parla ad es. di Grecia significa in qualche modo giustificare le politiche di austerità. Ora io forse lo avrete capito sono un ultras veterokeynesiano (o meglio minskyano/kaleckiano ma semplificando un po') e quindi mi girano un po' i coglioni ecco a vedere queste apologie di uno stillicidio economico travestite da campagna ambientalista. Comunque per dire il petrolio non riuscirà più a garantire un ritmo di produzione adeguato alla crescita ma chi vi dice che per allora non andremo in giro su macchine elettriche che useranno l'energia prodotta da centrali nucleari al torio? E comunque prima o dopo anche noi esseri umani scompariremo, statece. Però intanto preoccupiamoci del futuro prossimo. Anche Piketty devo dire riesce comunque a parlare di diseguaglianze in termini molto "signoramia": mi pare si concentri molto sugli stock di ricchezza, al massimo proponendo qualche patrimoniale, e però glissa moltissimo sulle dinamiche salariali (in particolare è cruciale il rapporto tra produttività e salari) che hanno creato queste differenze in termini di accumulazione (che poi diventano anche causa esse stesse degli squilibri nella distribuzione della ricchezza ecc.) e comunque non è che il dibattito su queste cose lo abbia iniziato lui, anzi. Poi il perché un mattone pieno di dati sostanzialmente conosciuti e osservazioni nemmeno troppo originali e comunque parecchio timide sia diventato un fenomeno mediatico non ne ho idea ma comunque cosa stavamo dicendo mi sono perso ciao.
Titolo: Re:Elezioni in Grecia e prospettive europee
Inserito da: zeek - 15 Maggio 2016, 15:00:07
:asd:
Titolo: Re:Elezioni in Grecia e prospettive europee
Inserito da: Gabo - 16 Maggio 2016, 01:23:25
Un giorno voglio sbronzarmi con Staffan. :asd:
Titolo: Re:Elezioni in Grecia e prospettive europee
Inserito da: eldar - 16 Maggio 2016, 09:11:12
Un giorno voglio sbronzarmi con Staffan. :asd:
^
Titolo: Re:Elezioni in Grecia e prospettive europee
Inserito da: Cire - 16 Maggio 2016, 10:59:09
Sembra diventato un foro politico.

Un giorno voglio sbronzarmi con Staffan. :asd:
^
Vengo anch'io.
Titolo: Re:Elezioni in Grecia e prospettive europee
Inserito da: Gabo - 16 Maggio 2016, 12:46:07
Sembra diventato un foro politico.
Un giorno voglio sbronzarmi con Staffan. :asd:
^
Vengo anch'io.

 :tnz: :tnz:

Titolo: Re:Elezioni in Grecia e prospettive europee
Inserito da: Buntolo - 26 Maggio 2016, 08:54:50
Io ho saltato i messaggi.
Titolo: Re:Elezioni in Grecia e prospettive europee
Inserito da: Cire - 26 Maggio 2016, 09:58:31
Non avevamo dubbi.
Titolo: Re:Elezioni in Grecia e prospettive europee
Inserito da: TonyWhite - 17 Agosto 2016, 18:22:41
Io ho saltato i messaggi.
boom :lki: